Blog: http://SestoSenso.ilcannocchiale.it

IPTV

Ormai il lancio dell'IPTV è pronto, e la sfida con il digitale terrestre è aperta.
Una sfida che ruota intorno all'ergonomia cognitiva, alla fiducia nelle nuove generazioni più portate all'utilizzo dell'indice (mouse) piuttosto che del pollice (caro vecchio telecomando), alla banda larga e agli abbonamenti alla stessa, ai contenuti, all'interazione, all'integrazione con altri device, ai costi.
 Attualmente gli utenti della TV via Internet sono circa un milione, contro un bacino potenziale online pari a circa venti milioni di utenti unici mensili.
La spinta agli investimenti è fornita dagli introiti pubblicitari. Infatti tutte quelle imprese che operano nelle telecomunicazioni intravedono sviluppi interessanti per le opportunità di utilizzo di più strumenti per raggiungere il target e profilarlo con precisione chirurgica. Mi spiego meglio: uno degli innumerevoli vantaggi (commerciali) di Internet è la possibilità di agganciare e riconoscere l'utente e seguirlo in tutti i suoi giri virtuali (e non), in modo da proporgli in ogni momento dei prodotti/servizi che risveglino il suo portafogli e facciano leva su quella compulsività già sfruttata a dovere dagli operatori del trade. Senza contare il fatto della misurabilità certa, la possibilità di variazione in corso d'opera e la variabilità dei risultati a seconda della combinazione dei diversi strumenti.

Pubblicato il 13/4/2006 alle 10.11 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web